Oggi è dom 16 dic 2018, 4:32


Scrivi un nuovo argomento Rispondi al messaggio Pagina 1 di 1   [ 8 messaggi ]
Autore
Messaggio
 Oggetto del messaggio: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: lun 9 nov 2015, 0:02 
Avatar utente
Punctilious Titan

Iscritto il: gio 8 nov 2007, 19:34
Messaggi: 1626
Su segnalazione di Talpa, vi proponiamo la traduzione di questo articolo di Adam Barnello del 19 Aprile 2011. Poco aggiornato, direte voi, ma non è importante, perché è il primo di una serie (che vi proporremo poco per volta) riguardanti la storia del Legacy, dalla sua creazione alle sue evoluzioni.
Barnello non si limita ad un'analisi tecnica: il suo è proprio un piacevole racconto vissuto in prima persona, che potete trovare QUI in lingua originale. Se trovate errori qui, è plausibile sia colpa del traduttore e non dell'autore, non esitate a contattarmi tramite MP per segnalarmeli.



Incubi Ricorrenti - Geocentrismo
di Adam Barnello // 19 Aprile, 2011

A grande richiesta, ho deciso di sobbarcarmi di qualcosa che davvero non avrei mai pensato di fare. In qualche modo, mi sono riuscito a convincere che questa sia una grande idea. Forse voi ragazzi in qualche modo c'entrate qualcosa, o forse semplicemente io mi sono risoluto a farmi carico di questa "Storia del Legacy". Credo sia una questione di giocare sui propri punti di forza (credo di averlo già detto, forse nel passaggio di un qualche articolo che non ho mai finito. Un appunto - finirlo). Alla fine dei conti, le motivazioni dietro questa decisione non sono davvero importanti, e dovremmo iniziare, perché ci vorrà un po' di tempo. Ricordate, siete stati voi ad averlo chiesto.

Una Storia del Formato, Parte 1

I miei primi ricordi di Magic sono sul sedile posteriore dello scuolabus quando avevo 12 o 13 anni. Uno dei miei amici, o forse uno dei suoi amici, ci stava mostrando tutte queste carte che aveva in un sacchetto di plastica, e noi eravamo assolutamente sbalorditi. Le illustrazioni erano fantastiche, e in quanto aspiranti nerd, eravamo attratti dai draghi, dai demoni e dai cavalieri in armatura scintillante. C'erano i personaggi dei libri fantasy che adoravo leggere che davano vita a un gioco davanti ai miei occhi! Ricordo ancora quando tornai a casa chiedendo ai miei se potessi spendere la mia paghetta per comprare qualche carta, per iniziare a imparare a giocare. Esitarono, perché erano adulti e mi avevano già visto spendere un sacco di soldi per i Pog [1] (I POG, cielo), che giacevano inutilizzati e inutilizzabili in una scatola di scarpe nel mio armadio. Alla fine riuscii a convincerli, e in quel fine settimana mio padre mi portò ad un mercatino delle pulci in fondo alla strada per cercare un tizio che conosceva, che pensava potesse avere delle carte.

Ricordo ancora il mio Starter Deck, e come la Giant Growth che vi trovai sembrasse la migliore tra tutte le carte che avessi visto fino a quel momento. Ricordo di aver visto della carte di Ice Agen, e di essermi chiesto come sarebbero state nel mio fighissimo mazzo rosso/verde. Ricordo di averle mostrate a mio fratello maggiore, e di come abbiamo iniziato a imparare assieme come giocare. Ricordo di averlo insegnato anche a mio padre, e di come abbia imparato molto più rapidamente e meglio di quanto non mi fossi aspettato - e di come mi abbia facilmente sconfitto nella prima partita in assoluto che abbiamo giocato.

Mi ricordo le partite giocate alla mensa delle scuole medie [2]. Ricordo di essere stato più scarso di qualsiasi altro giocatore del liceo, e di non essere mai riuscito a sconfiggere il mio amico Jim in una partita di Magic, senza aver mai capito il perché.

Ricordo il mio primo torneo. Alla veneranda età di 14 anni, Jim e io ci avventurammo in un in uno sporco centro commerciale dove il sabato organizzavano tornei di Magic. Non esisteva lo Standard, non esisteva il Legacy, c'era soltanto Magic. Il mio primo mazzo era un Royal Assassin mono nero che montava quattro Assassini. quattro Icy Manipulator (carta costosa per un quattordicenne, all'epoca) e uno per di Rag Man. Non ricordo le altre carte. Inutile dirlo, mi stavo avventurando in una tana di quali.

Durante il primo round giocari contro un tizio di nome Joe Weber. Alcuni di voi potrebbero riconoscere questo nome; per gli altri, è stato il giocatore di limite con i migliori risultati in tutto il mondo. Aveva una rubrica sulla rivista InQuest [3] da qualche parte negli anni 90. Per me, era semplicemente un "ragazzo grande" con cui stavo per giocare a carte. Iniziò con una Palude. Giocava nero, proprio come me! Castò un Dark Ritual. Sapeco cosa faceva quella carta: permetteva di giocare l'Assassino Reale al primo turno! Lui invece giocò Necropotence. Dovetti leggerne il testo.

La partita finiè esattamente come vi aspettate. Fui stracciato senza alcuna speranza da un giocatore con maggiori informazioni, carte migliori e infinitamente più bravura di me, e continuò così per l'intero torneo. A dirla tutta continuò per i successivi due anni, mentre in qualche modo tentavo di diventare un irriducibile giocatore di fish nell'ambiente locale di test di uno dei migliori team dell'epoca (Team Sped, per quelli che sanno di cosa sto parlando). Giocai con alcuni pro durante questi anni di formazione (per loro e per me), ma rimanevo un ragazzino, un casual player senza idea di quale fosse la realtà che lo circondava. Questo accadeva prima che internet anche soltanto esistesse, non considerate il mostro di informazioni che c'è a disposizione oggi, quindi non è che possa condannare il vecchio me quattordicenne; eppure adesso, guardandomi indietro, mi chiedo cosa mai sarebbe potuto accadere.

D'altro canto, nonostante la mia mancanza di bravura mi diertii davvero tanto. C'erano alcuni altri ragazzi più o meno della mia età con cui feci rapidamente amicizia, e fu grandioso a dispetto delle nostre prestazioni. Non lo sapevo, allora, ma queste amicizie alla fine si sarebbero rivelate decisamente importanti per me.

Come molti altri ragazzi adolescenti, il mio interesse per Magic iniziò a vacillare attorno ai 17 anni. Non avevo mai considerato il gioco come qualcosa d'importante su cui focalizzare la mia vita - peraltro era prima che si sviluppasse l'Organized Play, quell'opportunità neanche esisteva - quindi lascia che Magic lasciasse il posto ad altre cose. Andai al college, le carte restarono a casa. Non le ripresi per ricominciare fino al 2003.

L'estate del 2003 fu una delle migliori della mia vita. Per varie ragioni che non hanno alcun interesse per questa storia, fu un periodo davvero magnifico. Mi lasciai alle spalle l'adolescenza, e iniziai a visualizzarmi come l'uomo che volevo essere. Mi feci un sacco di nuovi amici, e riscoprii qualcosa che mi era mancata, un interesse che si era sopito ma non era mai realmente morto. Vi ho già raccontato la storia della mia riscoperta del gioco, quando ho partecipato all'invitational dei Top Organizer che si occupavano di questi vecchi eventi, e fui catturato nuovamente, come il fish che ero [4].

La parte importante è che gli amici che mi ero fatto quando ero un giovane padawan [5] si erano mantenuti attivi mentre ero via. Nessuno di loro aveva lasciato il gioco, avevano scoperto nuove interazioni tra le carte, ne erano diventati adepti in mia assenza. C'era un trio di giocatori che furono determinanti per la direzione che presi con il mio ritorno a Magic: Alex Zaranski (FakeSpam), Kevin Garvey (Garvman) e Mike Edinger (teeniebopper). Loro tre, con svariate altre persone che non conoscevo, avevano lavorato per portare il gioco alla separazione in vari formati. Erano parte del nucleo dei giocatori di Syracuse (e dei suoi sobborghi) che avevano sviluppato mazzi e strategie per il formato 1.5, il precursore del Legacy.

All'epoca, nel 2003, il formato 1.5 era il figlio bastardo del Vintage. Chi lo giocava veniva ridicolizzato e allontanato dal formato madre. Mentre il Vintage (all'epoca chiamato semplicemente Tipo 1) aveva un meta florido e in salute e tantissimi giocatori, l'1.5 era una terra desolata in cui solo poche persone che ne erano ossessionate sapevano della sua stessa esistenza. Non avevo neanche la banned list - era solo una lista di carte bannate e limitate combinata, in cui ogni carta limitata in T1 era limitata in T1.5. I mazzi dell'epoca avevano un power level altissimo se paragonati a quelli di oggi. C'erano vere e proprie "power" per l'1.5, tremendamente costose - anche oltre i 100 dollari al set. Queste carte, come Bazaar of Baghdad, [card]Mishra's Workshop[/card], Mana Drain e così via, erano i pilastri del formato, e gli diedero forma.

Welder Mud, 2004 circa - Matt Pietarinen (Peter_Rotten):

[deck]4 Goblin Welder
3 Triskelion
2 Karn, Silver Golem
4 Metalworker
3 Trinisphere
4 Sphere of Resistance
4 Smokestack
4 Tangle Wire
4 Chalice of the Void
3 Winter Orb
3 Crucible of Worlds
4 Wasteland
4 Mishras Workshop
4 City of Traitors
3 Ancient Tomb
4 Great Furnace
3 Mountain[/deck]

Worldgorger Dragon combo, circa 2003 – Rick Argiro (Jander78):

[deck]4 Worldgorger Dragon
1 Ambassador Laquatus
1 Sliver Queen
4 Squee, Goblin Nabob
3 Animate Dead
3 Dance of the Dead
3 Necromancy
3 Compulsion
3 Lim-Duls Vault
4 Intuition
3 Duress
4 Force of Will
1 Chain of Vapor
4 Dark Ritual
4 Bazaar of Baghdad
4 Polluted Delta
4 Underground Sea
4 Underground River
2 Swamp
1 Island[/deck]

Landstill, circa 2003 – (Jander78)

[deck]4 Lightning Bolt
4 Mana Drain
4 Fire/Ice
4 Standstill
3 Teferis Response
3 Powder Keg
3 Nevinyrrals Disk
4 Force of Will
3 Misdirection
4 Wasteland
4 Mishras Factory
4 Faerie Conclave
4 Flooded Strand
4 Volcanic Island
2 Shivan Reef
4 Island
2 Mountain[/deck]

Food Chain Goblins, circa 2003 – (Carlos El Salvador)

[deck]4 Lightning Bolt
3 Mogg Fanatic
4 Goblin Lackey
4 Skirk Prospector
4 Goblin Recruiter
4 Goblin Piledriver
3 Song of Blood
3 Goblin Warchief
3 Food Chain
4 Goblin Ringleader
3 Siege-Gang Commander
4 Chrome Mox
9 Mountain
1 Forest
4 Wooded Foothills
4 Taiga[/deck]

Come potete vedere, queste liste sono assolutamente fuori da qualsiasi canone attuale. Il formato, com'è evidente, somigliava molto più al Vintage che al vecchio formato 1.X in cui fu risistemato. Persino il mazzo Goblin era più combo che aggro, e metteva sempre su un piano di Recruiter per Ringleader al turno 3.

Le cose stavano andando bene nell'1.5. Come ho detto, non c'erano tantissimi giocatori nel formato, ma chi c'era ci si dedicava davvero molto. Le persone che mi sono lasciato dietro quando mi sono avventurato nel mondo accademico si erano date da fare. Alcuni erano diventati moderatori di TheManaDrain.com, e quando iniziarono le differenze di opinione su cosa fosse meglio fare con la nuova sezione del forum dedicata al T1.5, se ne separarono per fondare mtgTheSource.com, il primo forum dedicato allo sviluppo dell'1.5. Le decklist che vi ho mostrato sono state tutte recuperate dagli archivi di quel sito, ancora considerata una delle migliori fonti per informazioni su Legacy, nonostante i cambiamenti che ci sono stati negli anni.

Per circa un anno dopo la scissione tra The Source e TMD, il formato ha avuto un altissimo power-level ma anche una'ottima salute, e il meta si è sviluppato in una struttura con tier solidi, basata soprattutto sulla partecipazione ai tornei in cui le dual e le carte semi-power venivano messe in palio. Era un gioco "fatto in casa", seguito come se fosse un cult. Intendo proprio come per i "film cult", non come per "bevete Kool-Aid" [6], badate bene. Non credo di esagerare dicendo che questi eventi fatti in casa erano la struttura ossea del formato, e che se il formato esiste ancora in buona parte lo si deve proprio alla dedizione dei giocatori di quegli anni: senza questi eventi e relativi partecipanti, il Lagacy probabilmente non sarebbe mai stato regolarizzato, e l'1.5 sarebbe finito nel 2004.

Quando la Wizards annunciò i cambiamenti alla b/r list nel Settembre 2004, la terrà tremo, e le montagne si spostarono. E' stato il principale evento nella storia dell'eternal, liste separate per T1 e T1.5; con i due formati indipendenti, niente sarebbe stato più lo stesso.

L'intento era quello di accogliere i giocatori che presto o tardi avrebbero subito gli effetti della rotazione dell'Esteso: stava per avvenire per la prima volta, le dual e le altre carte più vecchie non avrebbero avuto altro gioco se non nell'"antiquato" Tipo 1, o nel costoso Tipo 1.5 overpowered. Volevano trovare una soluzione ai problemi che avrebbe causato questo passaggio, e il Legacy fu il risultato di questa ricerca.

"... con l'imminente rotazione dell'Esteso l'anno prossimo, dovevamo assicurarci che ci fosse un formato ragionevolmente disponibile per i giocatori che volevano utilizzare le loro vecchie carte (a partire dalle luand per arrivare dalle carte di Ice Age e ai Ribelli) che non fosse semplicemente una versione depotenziata del Vintage. Provammo a cercare quel sottile punto di equilibrio tra l'eccassibilità e, ovviamente, un gioco equilibrato." - Aaron Forsythe
(http://www.wizards.com/default.asp?x=mtgcom/daily/af30)

I giocatori di Vintage ne furono rallegrati, era la soluzione a un problema che si era fatto pressante per un po'. Con le b/r per T1 e T1.5 unite, l'unico modo per gestire il T1.5 era limitare le carte in T1. Dato che per loro non si trattava di carte pericolose per il loro formato, e le vedevano limitate solo per supportarne un altro, la notizia giustamente li esaltò: dimostrava che la Wizards supportava il loro formato, qualcosa che per loro era importante. Allo stesso tempo i giocatori di Esteso - all'epoca, un numero considerevole - furono altrettanto felici di avere un formato in cui giocare le carte che non sarebbero più state legali per loro.

I giocatori di T1.5, invece, si arrabbiarono. Il formato che tanto avevano faticato per sviluppare - tirandolo letteralmente su dal nulla - era svanito in un battito di ciglia. Le carte che avevano sudato per ottenere si svalutarono, molte divennero per lo più foraggio per eBay o per gli scambi. Si ritrovarono con versioni pimpate di mazzi illegali, senza più possibilità di sviluppo, e in sostanza dovettero cominciare da zero con un formato che a stento somigliava a qualcosa di familiare.

La prima impressione che il mondo ebbe del Legacy fu quella di una manciata di ragazzini viziati che ce l'avevano con tutto e con tutti. Inutile a dirsi, non erano partiti con il piede giusto. Ci vollero anni e anni di campagne di pubblice di relazioni sui campioni del Legacy per riportare in positivo l'opinione pubblica. Ci vollero centinaia di articoli da persone in tutto il mondo che spiegavano come fosse meraviglioso il formato, di come "non fosse elitario", per cambiare quella prima impressione. L'intero gruppo di originari giocatori del T1.5 dovette lottare contro una reputazione che non voleva fosse altro che una manciata di persone che non sapeva far altro che lamentarsi. E' strabiliante pensare quanto lavoro sia stato necessario per adeguarsi alla reazione al "grande cambiamento", che per me fu soltanto leggermente eccessiva.

Pensate a quando danno ha creato bannare una singola carta come Jace dallo Standard. Pensate ora a quanto danno possa fare bannare più di una carta - per dire. Jace, the Mind Sculptor e Preordain. Ora, immaginate che non ci siano PTQ, Grand Prix o SCG Open. Immaginate che i soli eventi in cui avete modo di giocare sono gli FNM, ma che li giocate ogni volta come se fosse la domenica del Pro Tour. Ora, immaginate che non abbiano bannato solo Jace e Preordain, ma anche Primeval Titan, Valakut, the Molten Pinnacle, Goblin Guide, Stoneforge Mystic e, giusto per buona misura, anche Fauna Shaman e Vengevine. Fatto questo, state soltanto osservando la punta dell'iceberg di quanto devastanti siano stati quei cambiamenti. I giocatori di T1.5 avevano tutto il diritto di essere sconvolti.

In ogni caso, la gente iniziò a giocare Legacy. Certamente non nei numeri che vediamo oggi, ma qualcuno iniziò a seguire il formato, dato che la Wizards riuscì nell'intento di realizzarne uno davvero eccellente. Vedemmo i primi pro iniziare a sguazzare nell'eternal, le prime discussioni sulle board diffondersi per la rete, su siti che prima non avevano mai badato minimamente al T1.5. Vedemmo un mare di persone che non avevano idea di quale fosse la storia del formato dare la propria opinione su come pensavano dovesse essere, o come dovesse sembrare, e ce ne sentimmo offesi. Quelle persone non erano state in trincea, viaggiando 10 ore o più per un evento da 30 persone appena. Non avevano rischiato la loro paga per mettere in palio premi per eventi che avrebbero anche potuto non prendere il via. Non avevano aiutato a sviluppare liste che avrebbero poi vinto questi tornei - semplicemente, avevano preso delle liste dal nostro sito e avevano cambiato qualche carta, con la sfacciataggine di definirle "migliorate".

I primi anni del Legacy furono dominati dall'arroganza e dall'ego. La vegghia guardia si era mossa compatta per iniziare e sostenere il T1.5, ma non riuscivano a incastrarsi bene nel nuovo paradigma che era il Legacy. Molti di loro mollarono. Altri decisero di restare nel loro vecchio formato (ovviamente, non resistettero a lungo. Non succede mai). Altri ancora decisero di adattarsi, focalizzandosi sul nuovo formato con lo stesso vigore che avevano dedicato a quello vecchio. Alla fine si trovò un punto d'incontro, e riuscimmo a imboccare la strada giusta. Il nuovo si mischio a sufficienza nel nuovo, portando via l'atmosfera di "fatto in casa".

Iniziammo a tenere eventi mensili in tutta la parte orientale degli Stati Uniti, divisi tra l'Upstate NY, il Massachussetts e la Virginia Settentrionale. L'Europa iniziò a svilupparsi come il fulcro del meta, con grandi eventi a intervalli regolari. Alcuni dei vecchi giocatori di Vintage sulla West Coast in California e nelle aree tra Portland e Seattle iniziarono a organizzare eventi più piccoli, e il formato iniziò a prendere slancio. Nonostante tutte le controversie e i rapporti ai ferri corti dei primi giorni, il formato era definitivamente nato.

Il metagame dell'epoca si sviluppò per lo più dai mazzi che erano esistiti prima della banlist che erano riusciti a sopravvivere più o meno indenni. Landstill, il controllo pensato per arginare i combo del formato precedente, aveva perso solo Mana Drain, ma continuò a dominare sostituendolo con Counterspell:

Landstill, circa 2004 (Jander78)

[deck]4 Swords to Plowshares
3 Stifle
4 Counterspell
4 Standstill
2 Disenchant
3 Crucible of Worlds
3 Wrath of God
4 Fact or Fiction
4 Force of Will
2 Misdirection
2 Decree of Justice
4 Wasteland
4 Mishras Factory
3 Faerie Conclave
4 Flooded Strand
4 Tundra
4 Island
2 Plains[/deck]

Un'altra minaccia del formato predecessore, Goblin, ce l'aveva fatta a rimanere relativamente illeso. Perdendo solo il Recruiter, e quindi la combo di Food Chain, dovette sviluppare una lista che in effetti ricorda molto da vicino quelle che sono giocate oggi:

Goblin Sligh, circa 2004 – Pat Maeder (Zilla)

[deck]4 Goblin Lackey
4 Mogg Fanatic
4 Skirk Prospector
4 Goblin Piledriver
4 Goblin Warchief
3 Siege-Gang Commander
4 Lightning Bolt
4 Chain Lightning
4 Goblin Grenade
4 Incinerate
3 Fireblast
9 Mountain
3 Plateau
4 Wooded Foothills
4 Bloodstained Mire[/deck]

Credo che il bianco fosse tirato in ballo principalmente per Swords to Plowshares e Disenchant su Circle of Protection Red.

Il terzo deck protagonista di quel periodo per l'epoca era sopravvalutato in maniera criminale - per averlo detto verrò sicuramente punito da Colin Chilbert - l'unico mazzo uscito completamente immutato dal cambiamento del formato. Conosciuto come ATC, o Angry Tradewind Sucrival, era l'incarnazione primigenia del combo/control a base di Survival nel Legacy:

ATS, circa 2004 – Colin Chilbert (Di)

[deck]4 Survival of the Fittest
3 Enlightened Tutor
4 Brainstorm
4 Force of Will
2 Mana Leak
4 Tradewind Rider
2 Quirion Ranger
2 Eternal Witness
1 Seedborn Muse
1 Gilded Drake
1 Mystic Snake
1 Squee, Goblin Nabob
1 Genesis
1 Anger
1 Rofellos, Llanowar Emissary
3 Wall of Roots
4 Birds of Paradise
4 Windswept Heath
2 Wooded Foothills
4 Tropical Island
1 Taiga
2 Savannah
5 Forest[/deck]

Il mazzo di Colin era una delle build a base Survival più... ambiziose, sempre tenendo conto del fatto che se non riusciva a risolvere Survival, il mazzo era un ammasso fumante [7], assolutamene incapace di vincere la partita. In ogni caso, riuscì a convincere i giocatori dell'epoca che era un compromesso accettabile, per lo più pescando multiple copie di Survival e di Enlightened Tutor in ogni partita - a meno che non ne avesse giù risolta una, nel qual caso pescava soltanto creature. Magistrale, senza dubbio.

Grazie alla rimozione dalle b/r di alcune carte precedentemente bannate, il gioco per un po' di tempo si focalizzò proprio su di esse. Fact or Fiction era considerata una delle cose più potenti che si potessero fare, e i giocatori provarono con incredibile tenacia a spezzare l'unione di 4 Mox Diamond, 4 Chrome Mox, 4 [card]Lion's Eye Diamond[/card] senza successo. Alla fine, la paura dei Long.deck passò, e i giocatori tornarono al lavoro. La situazione proseguì immutata per circa un anno, fino al primo vero "big event" - il cosiddetto "BIG ARSE II".

Per vostra fortuna, ho recuperato le liste della top8 di quell'evento.

1st - UGw Gro – Ian MacInnes (Cavern Ninja)

[deck]4 Werebear
4 Meddling Mage
2 Mystic Enforcer
4 Brainstorm
4 Serum Visions
4 Predict
4 Accumulated Knowledge
4 Swords to Plowshares
4 Force of Will
3 Daze
2 Counterspell
2 Stifle
2 Disenchant
3 Windswept Heath
3 Flooded Strand
4 Tropical Island
3 Tundra
3 Island
1 Forest
Sideboard
2 Tivadars Crusade
2 Honorable Passage
3 Nimble Mongoose
3 Armageddon
3 Pithing Needle
2 Phyrexian Furnace[/deck]

2nd – Dryad Sleigh – (Xenoq)

[deck]4 Kird Ape
4 Quirion Dryad
4 Grim Lavamancer
4 Jackal Pup
4 Mogg Fanatic
4 Lightning Bolt
4 Chain Lightning
4 Lava Dart
4 Magma Jet
3 Fireblast
9 Mountain
1 Forest
4 Wooded Foothills
3 Wasteland
4 Taiga
Sideboard
4 Naturalize
3 Anarchy
4 Red Elemental Blast
4 Pyrostatic Pillar[/deck]

3rd – Uwr Landstill – (RayD3)

[deck]4 Standstill
4 Fact or Fiction
4 Force of Will
4 Counterspell
3 Mana Leak
2 Crucible of Worlds
4 Swords to Plowshares
4 Fire//Ice
3 Nevinyrrals Disk
2 Wrath of God
4 Mishras Factory
4 Faerie Conclave
4 Wasteland
4 Flooded Strand
4 Tundra
4 Volcanic Island
1 Island
1 Plains
Sideboard
4 Red Elemental Blast
3 Chalice of the Void
3 Exalted Angel
3 Disenchant
2 Teferis Response[/deck]

4th – Vial Goblins – Matt Carl

[deck]4 Goblin Matron
4 Goblin Piledriver
4 Goblin Lackey
4 Goblin Warchief
4 Mogg Fanatic
4 Goblin Ringleader
4 Gempalm Incinerator
1 Goblin Sharpshooter
1 Siege-Gang Commander
1 Goblin Pyromancer
1 Kiki-Jiki, Mirror Breaker
1 Skirk Prospector
4 Aether Vial
2 Umezawas Jitte
4 Wasteland
1 Rishadan Port
16 Mountain
Sideboard
2 Anarchy
2 Red Elemental Blast
4 Pyrostatic Pillar
4 Ruination
1 Goblin Tinkerer
1 Goblin Sharpshooter
1 Umezawas Jitte[/deck]

8th – Red/Green Survival Advantage – Jeff

[deck]4 Birds of Paradise
4 Llanowar Elves
4 Flametongue Kavu
3 Ravenous Baloth
3 Troll Ascetic
4 Eternal Witness
1 Anger
1 Squee, Goblin Nabob
1 Goblin Sharpshooter
1 Genesis
1 Derranged Hermit
1 Viridian Zealot
1 Spore Frog
1 Rofellos, Llanowar Emissary
4 Survival of the Fittest
3 Burning Wish
2 Naturalize
9 Forest
4 Taiga
4 Wooded Foothills
2 Mountain
2 Bloodstained Mire
Sideboard
1 Reverent Silence
1 Pyroclasm
1 Regrowth
1 Hull Breach
2 Red Elemental Blast
4 Pyroblast
1 Seeds of Innocence
1 Ruination
1 Tsunami
1 Anarchy
1 Goblin Sharpshooter[/deck]

8th – Survival Junk – (Watcher 487)

[deck]4 Llanowar Elves
2 Fyndhorn Elves
2 Viridian Zealot
2 Troll Ascetic
2 Spike Feeder
2 Eternal Witness
1 Wall of Blossoms
1 Stampeding Wildebeests
1 Squee, Goblin Nabob
1 Spore Frog
1 Sakura-Tribe Elder
1 Rofellos, Llanowar Emissary
1 Quirion Ranger
1 Orcish Settlers
1 Granger Guildmage
1 Goblin Sharpshooter
1 Genesis
1 Flametongue Kavu
1 Fangren Firstborn
1 Anger
4 Survival of the Fittest
2 Land Grant
4 Aether Vial
4 Umezawas Jitte
8 Forest
4 Windswept Heath
3 Taiga
2 Gaea’s Cradle
1 Mountain
Sideboard
1 Arashi, the Sky Asunder
1 Dosan, the Falling Leaf
1 Dwarven Blastminer
1 Goblin Pyromancer
1 Gorilla Shaman
3 Gaeas Blessing
1 Gaeas Herald
1 Horned Kavu
1 Kamahl, Fist of Krosa
1 Ichneumon Druid
1 Masticore
1 Stampede Driver
1 Thunderscape Familiar[/deck]

8th – UW Landstill – (BoTs)

[deck]2 Eternal Dragon
2 Decree of Justice
4 Standstill
4 Brainstorm
2 Fact or Fiction
4 Swords to Plowshares
3 Wrath of God
4 Force of Will
4 Counterspell
3 Crucible of Worlds
3 Disenchant
2 Akromas Vengeance
4 Wasteland
4 Flooded Strand
4 Mishras Factory
2 Faerie Conclave
4 Tundra
3 Island
2 Plains
Sideboard
1 Wrath of God
3 Circle of Protection Red
3 Pulse of the Fields
1 Reverence
2 Humility
2 Tormods Crypt
1 Decree of Justice
2 Stifle[/deck]

8th – Angel Stompy – Phil Stolze (legacyplayer0)

[deck]4 Meddling Mage
3 Soltari Priest
4 Exalted Angel
3 Spectral Lynx
4 Silver Knight
1 Isamaru, Hound of Konda
2 Seal of Cleansing
4 Duress
2 Umezawas Jitte
3 Sword of Fire and Ice
2 Tithe
4 Swords to Plowshares
2 Chrome Mox
4 Plains
3 Flooded Strand
3 Windswept Heath
3 Ancient Tomb
2 Wasteland
3 Tundra
4 Scrubland
Sideboard
2 In the Eye of Chaos
4 Pithing Needle
2 Acid Rain
3 Engineered Plague
4 Armageddon[/deck]

Per vostra informazione - Ho dovuto copiare queste liste da un sito bloccato dal nostro firewall (al momento sono la lavoro) e ho dovuto usare il mio telefono. E' stato un inferno digitare queste liste singolarmente. Prego.

Questo è stato anche il periodo in cui Solidarity, il primo vero archetipo innovativo del formato, ha iniziato lentamente a scalare la vetta. All'epoca lo pilotavano ancora soltanto pochi entusiasti, ma ha fatto la sua gavetta con grande tenacia.

Qualcuno ancora si chiede perché giocassimo Legacy? Guardate queste liste, e ditemi se non sembrano maledettamente divertenti. In tutta sincerità, darei tutti i Jace del mondo per tornare a quei tempi e giocare ancora in questo metagame.

A questo pu nto della storia, siamo arrivati a quel che ci interessa. Il formato è finalmente stato preso sul serio anche dai più grandi oppositori provenienti dalla sua preedente incarnazione. Sono saltati sul carro dei vincitori, perché hanno riconosciuto quanto si stessero divertendo. Si è avuto un meta molto aperto, in cui praticamente tutto era fattibile - contollate la lista di Watcher487 per avere un esempio di quel che sto dicendo. Eravamo all'angolo, facendo il nostro meglio per spronare un formato che era assolutamente fantastico da giocare, e facevamo quanto di meglio poteamo per non intralciare la strada di nessuno. E poi tutto è cambiato. E' stata annunciata Ravnica, e per la prima volta abbiamo assaggiato qualcosa di effettivamente differente - la macchina dell'hype è stata messa in moto e, ancora una volta, ci siamo ritrovati sotto i riflettori.

Signore e signori, questo è tutto quel che ho la forza di scrivere per questa settimana. Mi sto divertendo, è bello ripercorrere il viale dei ricordi. Sintonizzatevi qui la prossima settimana, e vi darò il prossimo episodio del nostro "c'era una volta" del formato. Fino ad allora, buon compleanno a me, ci vediamo a Beantown e ricordate - tenete il bastone sul ghiaccio! [8]


[1] per chi fosse nato negli anni 90 o dopo, https://it.wikipedia.org/wiki/Pog
[2] le Middle School per l'esattezza, sommariamente corrispondono alle nostre scuole medie
[3] rivista statunitense dedicata ai CCG e poi a vari tipi di gioco https://en.wikipedia.org/wiki/InQuest_Gamer
[4] ovviamente gioco di parole tra l'essere un pesce fuor d'acqua e il Fish, lo storico aggrocontrol Ur
[5] se non sapete cosa sia un padawan non meritate il mio aiuto
[6] "bere Kool Aid" significa accettare passivamente delle argomentazioni, riguardo a un noto caso di suicidio di massa in cui venne avvelenata proprio la bevanda in questione https://en.wikipedia.org/wiki/Drinking_the_Kool-Aid
[7] "ammasso fumante" è un'espressione che indica proprio l'ammasso fumante cui state pensando
[8] tenere il bastone sul ghiaccio è l'insegnamento base dell'hockey usato come modo di dire, un misto tra tenere gli occhi aperti e non trascurare mai i fondamentali


"The awestruck birds gazed at Wonder. Slowly, timidly, they rose into the air."

Memories of the Time ha scritto:
Non potevano sputare dentro ai pacchetti invece di mettere questa rara? ^^
Top
 Profilo  
 

 Oggetto del messaggio: Re: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: lun 9 nov 2015, 0:52 
Avatar utente

Iscritto il: dom 22 nov 2009, 16:32
Messaggi: 866
Località: Gaeta, la città col mare molto bello.
Nickname Cockatrice: Alex_UNLIMITED
khaleb ha scritto:
I primi anni del Legacy furono dominati dall'arroganza e dall'ego.

Per fortuna le cose più belle a volte restano immutate. :*


andreino883r ha scritto:
Poi, lo dico col cuore, si chiama tipo1.it, ed ai tempi la gente si lamentava già per noi giocatori di legacy... Oggi ci sta pure il Modern...
ELIMINIAMO IL MODERN PLEASE!
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: lun 9 nov 2015, 15:35 
Avatar utente
Demonietto Provocatore

Iscritto il: mer 9 feb 2011, 10:46
Messaggi: 666
Nickname Cockatrice: talpa
E voi, giocavate all'epoca descritta nell'articolo? che ricordi avete?
Raccontateci la vostra esperienza!
(Lucio's will e la sua vena amarcord ringrazieranno ;))


Diego C ha scritto:
"Un cuba libre" "Troppo ghiaccio, mulligo"

ziovec ha scritto:
A noi piacciono le brainstorm

Der_Wolf ha scritto:
Chi parte a cazzo duro mi infastidisce nel profondo. Se vuole giocarsela al 50% vada ai campionati mondiali di testa o croce
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: lun 9 nov 2015, 16:22 
Avatar utente

Iscritto il: mar 5 nov 2013, 23:50
Messaggi: 84
Io ho iniziato a giocare durante l'estate del 1994 fino all'estate del 1996 circa (per poi riprendere tre anni fa).

Ho sempre giocato tra amici e mai competitivo, anche perché a quei tempi credo che non esistesse neanche il "gioco organizzato", almeno qui in Italia.

L'aspetto del gioco di quei tempi del quale ho più nostalgia è la totale "ignoranza" che regnava sulle varie carte in circolazione: senza internet e con poche risorse per reperire riviste più o meno specializzate, quando giocavamo con qualcuno al di fuori dei soliti amici, era bellissimo beccare carte mai viste prima e scoprire nuove meccaniche di gioco.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: ven 13 nov 2015, 0:56 
Avatar utente
My Name is Not Zeno

Iscritto il: ven 20 lug 2012, 21:01
Messaggi: 971
Nickname Cockatrice: zeno182
oddio i Pog... ;*


Dredge {<>} Affinity {R} Burn {3} Canadian {W} D&T {<>} Eldrazi {G/U} infect {W/G} Maverick {U} Merfolk {<>} MUD {U/R} Delver {R/G} Lands {R/W} PainterStone {U/B} Reanimator {G/U} 12-Post {R} Sneak {W/U} Miracle {S} Depths {B} Pox
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: ven 13 nov 2015, 2:17 
Avatar utente
Legendary Creature

Iscritto il: mer 12 mag 2010, 16:46
Messaggi: 2065
Località: Testimone di Most
Nickname Cockatrice: Memories of the Time
"In tutta sincerità, darei tutti i Jace del mondo per tornare a quei tempi e giocare ancora in questo metagame"

Penso che in molti lo farebbero ^^


"You either die a Spongebob or live long enough to see yourself become a Squidward."
Serpe in seno ha scritto:
Meglio una fine spaventosa che uno spavento senza fine
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: lun 18 gen 2016, 10:33 
Avatar utente
Pera vede e provvede

Iscritto il: gio 7 apr 2011, 18:24
Messaggi: 758
Nickname Cockatrice: Pera
Bell'articolo! Questo è il periodo in cui ho iniziato a giocare.

Novembre 2001, c'era autogestione a scuola e alcuni compagni facevano l'angolo Magic. Un mio amico mi prestò il suo mazzo tritoni con metà delle carte che erano fogliettini e mi innamorai. Per Natale mi comprai le carte per farmi un mazzo uguale, con carte fortissime tipo Saprazzan Heir (pagato 8.000 £!!) e la temibile combo War Barge + Merfolk Assassin.
Mi ero fissato che il mazzo non poteva fare a meno dei Mana Drain, ma costavano 20.000 £ ed era troppo. Un giorno un mio compagno me ne regalò uno che aveva trovato tra le carte di suo fratello!

In quel periodo giocavamo dappertutto, si girava con il mazzo in tasca; mi ricordo di una partita in piazza sulle scalinate del comune e di una su una panchina della gelateria!

L'anno dopo, fine 2002, a scuola si fece occupazione: un mio compagno che tra l'altro era rappresentante di istituto organizzò un torneo, una partita secca senza sideboard e premio in bustine! Vinse proprio lui con un mazzo spari.

A giugno 2003 partecipo a un torneo sanzionato alla Fiera del gioco e mi danno il DCI. Ho guardato sul sito dei Planeswalker Point e dice che il torneo era sanzionato T1.5, ma a me pareva che ci fosse il cartello con scritto "T1: tutti ammessi".
Comunque le presi di brutto, giocai anche contro un ragazzo più grande che giocava i Desideri di Judgment, e mi pare che allora si potessero veramente prendere tutte le carte dal raccoglitore, perchè mi ricordo che lo sfogliava e vidi per la prima volta una P9!


PS: Ieri sono stato a casa dei miei e guardate cosa ho trovato!

Image
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La Storia del Legacy - pt. 1
MessaggioInviato: lun 25 gen 2016, 19:08 
Avatar utente

Iscritto il: dom 6 mag 2007, 20:26
Messaggi: 1306
Località: Milano (e ogni tanto Venezia)
Rileggendo questo articolo, ho notato un'inesattezza (sicuramente non del traduttore):

Cita:
L'intento era quello di accogliere i giocatori che presto o tardi avrebbero subito gli effetti della rotazione dell'Esteso: stava per avvenire per la prima volta, le dual e le altre carte più vecchie non avrebbero avuto altro gioco se non nell'"antiquato" Tipo 1, o nel costoso Tipo 1.5 overpowered. Volevano trovare una soluzione ai problemi che avrebbe causato questo passaggio, e il Legacy fu il risultato di questa ricerca.

L'anno di cui parla è il 2004.
La rotazione è avvenuta per la prima volta nel 99, le duals sono state tenute dentro in via del tutto eccezionale fino al 2002, quando ruotarono fuori assieme al blocco Ice Age, Mirage e 5 edizione.


Immagine

JudeBass ha scritto:
Premetto che ho testato il mazzo.Avevo dimenticato che con bazaar scartavo anche una carta
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  

Scrivi un nuovo argomento Rispondi al messaggio Pagina 1 di 1   [ 8 messaggi ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron



Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Style designed by Artemis

Magic the Gathering is TM and copyright Wizards of the Coast, Inc, a subsidiary of Hasbro, Inc. All rights reserved
All art is property of their respective artists and/or WotC

Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010